Home Articoli HP Le case arcobaleno nel villaggio operaio di via Lincoln: uno dei gioielli...

Le case arcobaleno nel villaggio operaio di via Lincoln: uno dei gioielli nascosti della nostra città, di cui ci parla la nostra House Hunter Laura Polesinanti

395
SHARE

Le case arcobaleno nel villaggio operaio di via Lincoln: uno dei gioielli nascosti della nostra città, di cui ci parla la nostra House Hunter Laura Polesinanti

Casette colorate e vialetti alberati a Milano? Si, vicino a corso Ventidue Marzo. C’è chi dice che qui sembra di non essere a Milano, quasi a confermare il luogo comune che Milano sia una città grigia. Invece Milano è colorata in tutti i sensi: colorata di opportunità, di luoghi incantevoli, di palazzi e monumenti storici e di sorprese. Come la via Lincoln che è letteralmente colorata; di colori pastello che vanno dall’azzurro, al verde e dal lilla al giallo. Questa via non è molto frequentata, nonostante sia poco distante dal centro. Si trova nel quartiere chiamato villaggio operaio. Le case di via Lincoln vennero progettate nell’Ottocento ed erano destinate agli operai che lavoravano in questa zona. Il terreno su cui furono costruite era l’area dismessa della stazione ferroviaria di Porta Tosa. Quando la  stazione Centrale in piazza Repubblica ha soppiantato quest’ultima, la cooperativa  Seao (Società edificatrice Abitazioni Operaie) ha acquistato l’intera area con l’intenzione di realizzare case funzionali e semplici. All’epoca non esistevano le “case popolari”: le cooperative edilizie rappresentavano il miglior sistema per garantire una casa ai lavoratori con stipendi più modesti. Gli affitti pagati dagli operai costituivano il capitale per costruire le abitazioni. In seguito la Seao vendette le abitazioni di via Lincoln. Ora sono considerate case esclusive: una diversa dall’altra, a 10 minuti dal centro, ciascuna con giardino privato, in strada di poco passaggio. Le quotazioni immobiliari delle case arcobaleno sono decisamente lievitate. Anche se non state cercando casa in zona, vale la pena fare una passeggiata in questa stradina defilata. Non ci sono auto parcheggiate perché la via è stretta: si può così godere appieno delle tonalità pastello, delle decorazioni floreali ai cancelli e, in primavera, della fioritura degli alberi.

A cura di Laura Polesinanti, House Hunter ed intermediaria immobiliare