Home Articoli HP Il Cinemino di Milano riapre il 14 febbraio, giorno di San Valentino

Il Cinemino di Milano riapre il 14 febbraio, giorno di San Valentino

207
SHARE

Riapre il 14 febbraio il Cinemino di Milano chiuso lo scorso ottobre

Dopo più di 100 giorni, il 14 febbraio riapre il Cinemino di Milano.
La scelta di riaprire per il giorno di San Valentino non è casuale perché vuole essere una “dimostrazione d’amore per il cinema”.
Il cineclub di via Seneca 6, in zona Porta Romana, venne inaugurato il 10 febbraio dello scorso anno e fin da subito conquistò i cinefili con una programmazione molto interessante e poco mainstream.
Lo scorso 17 ottobre, però, un’ispezione congiunta dei Vigili Del Fuoco e della Polizia portò al sequestro della sala per irregolarità amministrative e in materia di sicurezza anti-incendio.
Subito dopo la chiusura dei locali partì una grande mobilitazione sui social contro i sigilli, attraverso l’hashtag #iostocolcinemino. Migliaia sono state le persone che aderito all’iniziativa tra cui attori famosi come Alessandro BorghiFilippo TimiValerio MastandreaChiara Martegiani e Stefania Sandrelli.
Le irregolarità amministrative erano legate alla vendita parallela della tessera annuale e del biglietto, consentita solo si locali di spettacolo pubblico. Infatti, l’ingresso ai locali è consentito solo ai soci.
Nel corso di questi tre mesi di stop tutti i soci fondatori dell’associazione “Sei Seneca”, che gestisce la sala del Cinemino, hanno seguito dei corsi per la sicurezza e dei corsi anti-incendio.
Inoltre, sono stati fatti dei lavori per la messa in sicurezza del locale, allargando le scale e sostituendo le poltrone con nuovi modelli ignifughi.
La svolta per la riapertura del Cinemino è arrivata grazie alla mediazione con i Vigili del Fuoco e il Comune, soprattutto con l’ufficio del sindaco e l’assessorato alla Cultura.
Per quanto riguarda la tessera d’ingresso alla sala, per i minorenni sarà gratuita, mentre per gli adulti dovranno farne richiesta compilando il modulo sul sito www.ilcinemino.it.
(Foto tratta da ANSA)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here