Home Slider HP Caffè Cordusio, come Starbucks celebra Milano nei menù internazionali

Caffè Cordusio, come Starbucks celebra Milano nei menù internazionali

520
0
SHARE
Caffè Cordusio, come Starbucks celebra Milano nei menù internazionali
Caffè Cordusio, come Starbucks celebra Milano nei menù internazionali

Come quasi tutti sapranno Milano è stata scelta da Starbucks come primo punto vendita della grande catena sul suolo italiano e per questo hanno dedicato il caffè Cordusio.

La febbre per il caffè americano e per la grande catena famosa in tutto il mondo ha travolto la capitale meneghina scatenando sentimenti di puro amore tra milanesi e turisti. Eppure l’amore per Milano è ricambiato da Starbucks, che dimostra il suo affetto ancora una volta con un’iniziativa nuova: ecco a voi caffè Cordusio.

Caffè Cordusio nei menù di mezzo mondo

Il Cordusio di Starbucks è un caffè (disponibile anche in versione fredda) che si ispira alla cultura conviviale dell’omonima piazza Cordusio a Milano (sede della Reserve Roastery di Starbucks).

La bevanda sarà disponibile nei menù delle caffetterie statunitensi, messicane e peruviane.

Il gusto della miscela Cordusio ricorda un po’ quello del cioccolato fondente ed è costituito da una dose extra di espresso, crema di latte, crema di caffè e una spolverata di cacao.

Starbucks, un amore per l’espresso e per l’Italia.

Per restare fedele al suo motto “Forever inspired by the art of Espresso”, Starbucks ha dotato i suoi punti vendita di bicchieri di carta davvero molto speciali negli USA. Da una parte infatti si trova stampigliata la frase Seattle 1971 (luogo e data di fondazione del primo Starbucks), dall’altra Milano 2018, per simboleggiare l’importanza dell’apertura del punto vendita milanese.

Milano in fondo è quella città che ispirò Howard Schultz, il fondatore di Starbucks, a portare la bontà e la cultura del caffè espresso nel mondo.

Il suo grande amore per i gusti genuini del nostro paese e di questa città hanno portato nel 2018 ad un riconoscimento unico nel suo genere, che non può che rendere Milano fiera della sua storia recente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here