Home Slider HP Milano Agroscalo 2020: l’ex scalo di Porta Genova diventerà un campo coltivato!

Milano Agroscalo 2020: l’ex scalo di Porta Genova diventerà un campo coltivato!

1134
0
SHARE
Milano Agroscalo 2020
Milano Agroscalo 2020

Un campo con fiori e ortaggi, una serra panoramica, zone per il fitness e aree gioco. Il progetto Milano Agroscalo 2020, finalmente riqualificherà lo scalo ferroviario di Porta Genova!

 

Il piano è stato sottoposto al Comune di Milano dalla società Future Fond. In autunno sarà consegnata la versione definitiva del progetto curato dallo studio di architettura Andrea Caputo e dell’architetto Salvatore Porcaro.

Milano Agroscalo 2020

Si svilupperà seguendo un modello di economia circolare, nel quale città e campagna si fondono con l’obiettivo di ridurre l’impatto sull’ambiente e incoraggiare stili di vita più sostenibili. L’area ferroviaria ospiterà quindi un’attività agricola a 360°, che include coltivazione, lavorazione e vendita di più di 150 specie di erbe, germogli, fiori e ortaggi. Lo spazio inoltre accoglierà laboratori didattici, incontri pubblici, un mercato settimanale e alcune fiere.

 

Le dichiarazioni sul progetto

L’assessore all’urbanistica Pierfrancesco Maran ha dichiarato che «Agroscalo 2020 ha tutte le caratteristiche per restituire nel breve periodo l’area alla fruibilità pubblica, riconnettendo la stazione, i Navigli e zona Tortona attraverso la nascita di un luogo multifunzionale per grandi e bambini». Il contratto di locazione con il Gruppo FS Italiane per l’uso temporaneo dello scalo verrà siglato in seguito all’approvazione definitiva del progetto da parte del Comune, e avrà una durata di 2 anni + 1 (eventualmente rinnovabili).

 

Le nuove riqualificazioni

Ma non sarà solo Porta Genova l’oggetto di ambiziose riqualificazioni urbane. Il lavoro sugli usi temporanei procede infatti anche per gli altri ex scali ferroviari. Il Gruppo Fs Italiane ha pubblicato martedì scorso i bandi per gli usi di Porta Romana e Farini, che in futuro verranno messi a disposizione dei cittadini.

credits: pixabay

@Clelia Mumolo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here