Home Slider HP Turismo a Milano luglio 2018: boom di turisti appassionati d’arte!

Turismo a Milano luglio 2018: boom di turisti appassionati d’arte!

679
0
SHARE
Turismo a Milano luglio 2018: boom di turisti appassionati d'arte!
Turismo a Milano luglio 2018: boom di turisti appassionati d'arte!

La città meneghina si posiziona quarta per il turismo artistico, Milano è città d’arte ed è record di turisti.

Milano è città d’arte e come tale entra nella top 5 delle città più visitate nel mese di luglio. Il turismo a Milano luglio 2018 non ha nulla da invidiare alle grandi bellezze artistiche europee e italiane. Milano si porta a casa un egregio quarto posto dopo Roma, Firenze e Venezia. La città di Milano spesso non viene considerata per le bellezze artistiche che ha da offrire, ma viene sempre identificata come città della moda. Eppure qualche perla artistica la regala anche la nostra amata Milano.

Boom di turisti!

Nel mese di luglio, sono previsti oltre un milione di turisti, soprattutto nel weekend del 14-15. Il turista medio dell’anno 2017 è stato quello del Medio Oriente, per la gran parte. Quest’anno invece, oltre Cina, Giappone e Sud Corea, anche la Germania la fa da padrona. L’assessore comunale Roberta Guaineri afferma: “Milano è ben lontana dall’essere satura di turisti. I palinsesti funzionano, fanno da traino e sono ormai inseriti nei circuiti turistici.” Il turismo a Milano luglio 2018 è soprattutto artistico e la città è pronta ad ospitare chiunque voglia scoprirla.

Eventi e luoghi

Già nel mese di giugno era possibile fare una previsione dei turisti. Sold out registrati nei giorni dei festival della danza di Roberto Bolle e code fino a sera per visitare il Duomo.

Mostre e spettacolo di Estate Sforzesca arricchiscono il programma. Le opere alla Scala e i concerti fino a fine luglio attireranno fan di ogni tipo. “La reputazione internazionale di Milano è migliorata in modo significativo. Se però si effettua un paragone con città europee come Barcellona o Parigi, ci si accorge del lavoro che si può ancora fare. Le parole del presidente dell’associazione albergatori di Confcommercio sono chiare, Milano può dare di più. C’è un occupazione del 20% fino a fine settembre, ma si spera possa aumentare nel corso delle settimane. Si prospetta un 50% di prenotazioni con prezzo medio 115 euro, in linea con i prezzi estivi di alta stagione. Una stima precisa dei turisti è impossibile farla a causa di piattaforme come AirBnB, ma sicuramente le prospettive sono buone.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here