Home Slider HP La casa più piccola del mondo a Milano: si trova in viale...

La casa più piccola del mondo a Milano: si trova in viale Tibaldi 7!

286
0
SHARE
la casa più piccola del mondo a Milano
la casa più piccola del mondo a Milano

Lo sapevate che esiste uno studio di specializzato in mini appartamenti inferiori ai 25 mq. Si chiama Milano Abita e ha realizzato la casa più piccola del mondo a Milano.

 

Il fiore all’occhiello di Milano Abita è l’appartamento più piccolo del mondo ubicato a Milano. Così viene definito il pied-à-terre di viale Tibaldi 7, in zona Bocconi. La casa più piccola del mondo a Milano costa 75mila euro. La sua realizzazione è stata studiata per affitti di breve durata, così come alri monolocali della stessa azienda.

 

Il progetto di Milano Abita

Il progetto, in seguito ad un approfondito studio sullo spazio e sui materiali, si specializza nel recupero dei piccoli ambienti. Ha puntato sull’ottimizzazione dei volumi e sulla ricerca di valore aggiunto nei dettagli. “Quello della riqualificazione di piccoli ambienti abitativi, dalla razionalizzazione dei volumi fino all’estetica del dettaglio”. Spiega la fondatrice Martina Margaria “è un trend ormai consolidato nelle grandi città cosmopolite ed è in forte crescita anche a Milano. I denominatori comuni a tutte le declinazioni di questo fenomeno sono la necessità di costruire meno per dare nuova vita a spazi già esistenti e la consapevolezza che il lusso, le comodità e la ricercatezza possono coesistere con i piccoli volumi. Arredare nei minimi dettagli, seguendo un percorso studiato con chi andrà a vivere l’ambiente, è l’aspetto che rende questo approccio tanto richiesto.”

 

La vicinanza al centro della città

Sembra, infatti, che i manager obbligati per lavoro a sostare in una città diversa dalla propria, amino la soluzione di abitare in case mignon. Da ciò l’esigenza di venire incontro alla domanda di comodità con soluzioni piccole e dinamiche, ma non lontane dal centro.

 

Di ispirazione marinara

Per la progettazione degli spazi, spiega sempre Martina Margaria «ci ispiriamo alla nautica. In uno yacht delle stesse dimensioni ci stanno anche quattro persone, in crociera per una settimana».

credits: scirokko.it

@Clelia Mumolo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here