Home Cronaca di Milano Milano, Torre Bonnet: pronta a rinascere l’ex Torre Unilever in zona Garibaldi

Milano, Torre Bonnet: pronta a rinascere l’ex Torre Unilever in zona Garibaldi

1007
SHARE
Milano, Torre Bonnet
Milano, Torre Bonnet

Milano, Torre Bonnet. La proprietà dell’edificio ex Unilever ha deciso di dare un nuovo volto al palazzo puntando sul panorama mozzafiato.

 

Torre Bonnet

A due passi da Corso Como, in via Bonnet, è pronta a rinascere l’ex Torre Unilever costruita nel 1962. La Torre Bonnet di Milano avrà nuove facciate totalmente in vetro, due nuovi ingressi, due nuovi piani e una nuova terrazza mozzafiato.

Il progetto ambizioso

Terminata la bonifica durata un anno, la proprietà dell’edificio, la Coima Srl, ha deciso di dare un nuovo volto al palazzo presentando il progetto. L’edificio verrà innalzato di due piani rispetto ai 68 metri attuali. Sulla nuova cima verrà creato un rooftop che offrirà una vista su Milano da una posizione privilegiata. Il palazzo avrà poi due accessi, da due diversi piani, e una copertura quasi totalmente in vetro. Al centro della piazza, invece, sarà costruito un nuovo edificio che sarà destinato a negozi per la vendita al dettaglio. Nel progetto è prevista anche la riqualificazione del parcheggio sotterraneo e di tutte le aree pedonali, che saranno rinnovate e ricollegate a quelle già esistenti in zona.

 

L’avvio dei lavori

Il via libera ai lavori è stato dato da gennaio 2018, ma si è ancora all’inizio di un lungo cammino. Per rimanere aggiornati sui progressi della struttura il blog di architettura Urbalife ha creato uno spazio apposito che mensilmente viene aggiornato. Nell’ultimo aggiornamento di aprile troviamo:

Continua la rimozione delle parti non più necessarie del vecchio complesso di via Bonnet. La rimozione della vecchia struttura del parcheggio interrato pare quasi conclusa e al suo posto sarà costruita una nuova struttura che servirà come area commerciale e di servizio.

Per maggiori info sugli aggiornamenti e progressioni dei lavori vi invitiamo a visitare il blog di Urbalife.

credits: urbanfile

@Clelia Mumolo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here