Home Slider HP Il significato delle statue del Duomo di Milano!

Il significato delle statue del Duomo di Milano!

2324
SHARE
Il significato delle statue del Duomo di Milano!
Il significato delle statue del Duomo di Milano!

Alcune curiosità sulle statue del Duomo di Milano.

Piccole, grandi, di sembianze umane e non, le statue del Duomo di Milano sono sotto gli occhi di migliaia di persone ogni giorno.

Ma cosa si nasconde dietro il loro immutabile aspetto? Ecco alcune curiosità che forse ci aiuteranno a guardarle in maniera diversa.

Sulla grande facciata in stile gotico, figurano diverse statue che non sempre rappresentano personaggi e eventi della Bibbia.

Possiamo in primis notare una figura con il braccio proteso verso l’alto che ricorda molto la Statua della Libertà di New York. Tale opera risale al 1810 e si chiama “La legge nuova”. Opera dell’artista neoclassico Pecetti si erge proprio sul balcone immediatamente sopra al portone di ingresso (così come la Statua della Libertà si staglia alle porte di New York).

Animali e storie italiane

Oltre alla particolare statua sopra citata, sul portone di ingresso del Duomo si può ammirare anche la rappresentazione di un piccolo drago: questi sarebbe la rappresentazione di Tarantasio, il mitologico mangiatore di neonati rappresentato come un biscione sullo stemma dei Visconti (il cui capostipite lo avrebbe sconfitto).

Appaiono inoltre volti molto noti della storia d’Italia: Dante Alighieri, Re Vittorio Emanuele e Arturo Toscanini; ma anche Benito Mussolini (poi camuffato dopo la caduta del Fascismo), lo sportivo Primo Carnera e diverse altre figure famose in Italia.

Una delle statue del Duomo di Milano

Una chiesa speciale

Il Duomo di Milano è la terza chiesa cattolica al mondo per dimensioni (preceduta dalla Basilica di San Pietro a Roma e dalla Cattedrale di Siviglia).

Il fatto che un monumento sacro di così grande maestosità sia dotato nella sua stessa struttura di queste curiosità, lo rende ulteriormente interessante e particolare.

Dopo queste curiosità, forse, i milanesi lo guarderanno con occhi diversi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here