Home Articoli HP Villaggio Alzheimer a Monza: prima struttura in Italia!

Villaggio Alzheimer a Monza: prima struttura in Italia!

307
0
SHARE
Villaggio Alzheimer a Monza: prima struttura in Italia!
Villaggio Alzheimer a Monza: prima struttura in Italia!

Villaggio Alzheimer a Monza: una struttura con case e negozi, inaugurata il 24 febbraio per ospitare i malati.

Nato da un’idea della cooperativa La Meridiana, in collaborazione con il Politecnico di Milano, con la Fondazione Golgi Cenci e con il Cnr, il villaggio Alzheimer a Monza ospiterà 64 persone a partire da fine aprile-inizio maggio 2018.

I pazienti vivranno in case da otto e saranno seguiti da uno staff di 55 persone tra medici, infermieri, OS e animatori.

Un luogo di vita

Il villaggio Alzheimer si ispira al già esistente villaggio di Hogeweyk, un piccolo comune in Olanda nel pressi di Weesp. L’idea nasce come opportunità per i malati di demenza di poter vivere in una realtà relativamente normale e di non essere “semplicemente” curati.

Nel villaggio Alzheimer gli ospiti, malati mentalmente ma autosufficienti fisicamente, potranno svolgere attività quotidiane normali, quali fare la spesa, andare dal parrucchiere o al bar, e così via.

Il personale medico si celerà dietro alle figure professionali che i pazienti frequenteranno e il villaggio sarà comunque recintato e costantemente monitorato.

Hogeweyk, il villaggio Alzheimer in Olanda

Un’idea innovativa

Il villaggio prende il nome di “Il paese ritrovato” e si trova a Monza in via Casanova. Occupando circa 14.000 metri quadrati, di cui più di 5.000 con costruzioni, è costato ben 9,5 milioni di Euro.

In Italia potrebbero sorgerne altri, proprio per consentire ai malati di Alzheimer di vivere in un ambiente quanto più possibile reale e aiutarli a recuperare un rapporto con la quotidianità.

“Il paese ritrovato”, senza dubbio, rappresenta un’idea innovativa per l’Italia e i suoi vantaggi sono innegabili. Ci sono tuttavia alcune perplessità riguardanti l’isolamento dal mondo degli ospiti.

Tuttavia, la loro malattia non li isola a sua volta? In una realtà come questa la speranza è che possano avere quanto più possibile una ritorno alla quotidianità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here