Home Articoli HP WiFi gratuito metro a Milano: la fermata Duomo sarà la prima!

WiFi gratuito metro a Milano: la fermata Duomo sarà la prima!

573
SHARE
WiFi gratuito metro a Milano
WiFi gratuito metro a Milano

Da gennaio sarà possibile usufruire del servizio WiFi gratuito metro a Milano. La fermata Duomo sarà la prima ad avere la connessione

Sta arrivando il WiFi gratuito metro a MilanoAtm in collaborazione con Fastweb offrirà gratuitamente il servizio WiFi ai suoi passeggeri.
Il progetto partirà dalla stazione Duomo tra la metà e la fine del mese di gennaio.
La copertura garantita è molto ampia: si parla di 32 access point che consentiranno una navigazione rapida e una connessione veloce fino a 4 ore al giorno.

Come di potrà usufruire del servizio?

Semplice, basterà registrarsi una prima volta al portale Atm. Dopodiché ogni volta che si scenderanno le scale per raggiungere i convogli lo smartphone si collegherà automaticamente.
Inoltre, l’interfaccia sarà in grado di fornire informazioni sui tempi dei mezzi pubblici, lo schema della rete e gli avvisi in tempo reale in caso di eventi o maltempo.
Il limite di 4 ore giornaliere di internet veloce è stato fissato per evitare abusi. Infatti, il servizio è stato pensato per chi viaggia in metropolitana. Se si sfora il limite, la connessione sarà più lenta.
Dopo una prima fase di sperimentazione, toccherà alle fermate San Babila e Cadorna ad essere raggiunte dal servizio.
L’obiettivo è coprire tutta Milano, bus, tram e treni compresi. Questo avverrà anche grazie alla partnership con Vodafone che presto lancerà la rete 5G in città.
Questa iniziativa si va ad aggiungere al piano che il Comune sta portando avanti dal 2012 con gli hotspot sparsi nei quartieri. Oggi sono 759 i punti di accesso di Open WiFi Milano. Inoltre, da giugno, non ci sono più barriere di traffico per ciascun utente e il sistema richiede una sola registrazione, la prima volta che ci si registra al portale.
Dunque, il nuovo servizio di WiFi gratuito in metro Milano rappresenta un altro tassello che renderà la nostra città sempre più digitale.
Credit photo: Wikipedia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here